Skip to main content

Segnali dal cielo – Il mistero delle Pleiadi‏

Più l’argomento UFO si fa largo su questo sito, più gente mi ferma per strada che vuole parlare di questa tematica. Soprattutto perchè qualcuno ha avuto delle vere e proprie esperienze qua in paese. Avvistamenti notturni e situazioni strane, non in serate weekendine dove magari l’alcool ti fa vedere chissà cosa… Quindi l’interesse è in fase crescente e chissà se in futuro avremo modo di intervistare paesani che sappiano raccontarci la propria esperienza ravvicinata del primo o del secondo tipo….

Ma torniamo a capofitto nei misteri che avvolgono gli ET e la loro, presunta, esistenza. 

Una domanda frequente che spesso sentiamo: gli antichi avevano contatto con delle razze aliene? Al di là di quadri famosi dove s’intravedono ufo dipinti nel cielo o caverne una volta abitate dagli uomini preistorici dove sono rappresentati sulle pareti essere con strani caschi e aureole, la cosa che affascina di più è la disposizione di diverse strutture architettoniche rispetto gli astri. Le piramidi egizie ne sono un esempio ormai a tutti noto. Le conoscenze astronomiche di allora avevano raggiunto un livello che ad oggi rimane impensabile con gli strumenti e la tecnologie che contraddistinguevano quel periodo. A meno che queste conoscenze non fossero farina del proprio sacco, ma bensì trasmesse da entità superiori…. Sapevate che le Pleiadi (o Sette Sorelle), stelle facenti parte della costellazione del Toro, vengono richiamate più volte in diversi posti sul nostro pianeta in monumenti o luoghi di culto distanti migliaia di chilometri l’uno dall’altro, costruiti sin dalla notte dei tempi fino ai giorni nostri. La mappa è sempre la solita: un triangolo dove ai tre vertici stanno le Pleiadi e due “Sun-like Star”, cioè due Soli simili a stelle.

http://img534.imageshack.us/img534/9276/67643888.jpg

Come precedentemente affermato in Egitto tutte le catene piramidali sono riproduzioni delle costellazioni. Saqqara per esempio rappresenta la costellazione di Andromeda, ma se seguiamo il corso del Nilo (che rappresenterebbe la Via Lattea), le piramidi costruite lungo il fiume è come se segnassero nel cielo le Pleiadi, la Cintura di Orione, Sirio, ecc.

(http://1.bp.blogspot.com/_da1EOqUIwzI/Reea_IsDDNI/AAAAAAAAABM/OtfgzaSWRV0/s320/Star+Map+1+Pyramid+Map+1.bmp)

Puntualizzazione: unendo le le tre stelle della Cintura di Orione si raggiungono le Pleiadi.

I due vertici “Sun-like Star” ci vogliono dire qualcosa. Le costruzioni che vennero edificate in questi due punti starebbero a rappresentare un pianeta e il suo passaggio, o due pianeti posizionati in quelle coordinate astronomiche al tempo della loro costruzione. In questo esempio egiziano, il Tempio del Sole.

Ma andiamo in Inghilterra, precisamente nel famoso sito druido di Stonehenge. http://yfrog.com/2hstonehengej Non trovate similitudini in questa foto dall’alto con le Pleiadi e i rispettivi “Sun-like Star”? http://img189.imageshack.us/img189/1149/pleiades.jpg

Guatemala, Tikal, uno dei più famosi luoghi di culto Maya:

http://www.thehiddenrecords.com/images/TIKAL3.jpg

E ancora:

Babilonia: http://www.thehiddenrecords.com/images/Babylon_star_map.jpg

Cina, tombe dinastia Ming: http://thehiddenrecords.com/images/Xiaoling_tomb.jpg

Insomma, tutti luoghi di culto uniti da un unico filo. Popoli che non sono mai stati in contatto tra loro (o forse si, ma la storia questo lo deve ancora dimostrare) che erigono piramidi, pietre gigantesche, templi, scavano tombe, tutte disposte allo stesso modo. Come se dovesse rimanere un segnale, un messaggio per le generazioni che seguiranno.

Ma con gli UFO tutto questo cosa c’entra? In pratica poco e niente se ci limitiamo al pianeta terra. Anche perchè, come detto, può sempre risultare opera dell’uomo e se anche divisi da secoli o da migliaia di chilometri, potenzialmente il messaggio le varie civiltà potrebbero esserselo trasmesso chissà per mezzo di quali canali.

Ma ti pareva che non vi lasciavo con la chicca finale?

Marte, zona di Cydonia, famosa per quella faccia che sembra esser stata disegnata sulla superficie del pianeta rosso. Ebbene, al di là di quello che si possa dire sul volto più o meno interpretabile, Cydonia rappresenta un vertice sempre dello stesso triangolo.

http://www.keyofsolomon.net/_images/Mars-face-pyramids-lost-symbol-of-solomon-star-map-pleiades..jpg

E per meglio capire il tutto postiamo un video che chiarisce meglio le idee: http://www.youtube.com/watch?v=5V0U1ZuXIyw&feature=player_embedded

Insomma se su Marte abbiamo la stessa mappa stellare trovata nei siti sopra descritti, c’è qualcosa che non quadra….. Anche perchè, per ora siamo stati solo sulla Luna….

One thought to “Segnali dal cielo – Il mistero delle Pleiadi‏”

  1. Penso che nel mondo antico, quando dovevi costruire qualcosa in un terra senza riferimenti naturali (montagne, fiumi ecc) e non sapevi come metterla, la cosa più ovvia che ti poteva venire in mente era un allineamento con qualche astro.

    In realtà gli egiziani la sapevano lunga. Noi oggi quando costruiamo qualcosa ci mettiamo la targa con la data tipo “1 gennaio 2010” che non significa un bel niente nel contesto dell’universo. Dice solo che la terra ha fatto 2010 giri intorno al sole da quando è nato Gesù. E quando è nato?
    Le piramidi allineate con le costellazioni ci dicono, e dicono ad eventuali alieni, che sono state costruite quando, da dove si trovano, certe stelle si vedevano in un certo modo. Viene quindi fissato un istante nell’evoluzione della posizione dei corpi celesti dell’universo che è deducibile da tutti e per sempre.

Lascia un commento