Skip to main content
Titanic-Cobh-Harbour-1912

Dal Titanic alla Concordia: 100 anni dopo

Il 15 aprile 1912 il transatlantico Titanic della White Star Line, si inabissò a circa 600km dalle coste di Terranova nel suo viaggio inaugurale da Southampton a New York, portando con se circa 1500 persone tra passeggeri e membri dell’equipaggio. Sembra strano pensare che siano trascorsi soltanto 100 anni, tra noi e i personaggi che ci ha fatto rivivere Cameron nel suo film del 1998, questo soprattutto a causa dell’impennata tecnologica che c’è stata nel ventesimo secolo.

Salto tecnologico che non è servito ad evitare l’affondamento della Costa Concordia il 13 gennaio scorso al Giglio, episodio che ha portato gli occhi del mondo sulle nostre coste e soprattutto sulla nostra marina. Come la tragedia del Titanic, che viaggiava a velocità troppo elevata in un tratto con numerosi iceberg per battere dei record di velocità, anche alla base del naufragio della costa c’è la stupidità umana. Più l’intelligenza dell’uomo crea apparecchiature migliori, più i cervelli che le utilizzano sono di scarsa levatura. Ovviamente e fortunatamente questo avviene in casi rari, ma che macchiano per sempre l’onore di un’intera categoria.

A 100 anni esatti di distanza, il mondo ricorda le vittime con targhe e crociere commemorative, anche se forse il modo migliore per ricordarle sarebbe quello di imparare dal passato ed evitare di commettere gli stessi errori.

One thought on “Dal Titanic alla Concordia: 100 anni dopo

Lascia un commento